valeria-food-tour

Oggi conosciamo Valeria, la fan di Fairy della Campania.

Valeria è mamma di due bambini, impiegata in uno studio legale e grande appassionata di cucina. Si diletta soprattutto nella preparazione dei dolci che ama anche mangiare.



Durante la nostra visita a Caserta, Valeria ci ha aperto le porte della sua cucina per svelarci i segreti della deliziosa Pastiera di Grano.


Dolce Pasquale della Campania per eccellenza, la Pastiera, veniva preparata il giovedì santo e veniva servita a tavola la domenica di Pasqua nello stesso stampo di cottura (il cosiddetto “ruoto”). I giorni di riposo servivano a far amalgamare bene tutti i sapori. Ma lasciamo che sia Valeria a raccontarci qualcosa in più di lei, di questo dolce e della cucina della sua regione...

Valeria com’è nata la passione per la cucina?
Fin da piccola ho sempre cucinato insieme a mia madre, alle mie nonne e alle mie bisnonne.

Quanto tempo dedichi ogni giorno alla cucina?
Sono sposata e ho due bambini, quindi ogni giorno devo cucinare per la mia familia.

Come mai hai scelto di prepararci questa ricetta?
Perché credo che sia una delle ricette più rappresentative della nostra cucina regionale. Inoltre fin da quando ero piccola partecipavo alla sua preparazione. Il mio compito era quello di girare il grano in cottura e di formare le striscioline di pasta frolla.

A che età hai realizzato la tua prima pastiera?
Avevo 15 anni.

Qualcuno della tua famiglia ti ha insegnato a prepararlo?
La mia bisnonna Santina ed è proprio sua la ricetta che voglio condividere con voi.

Quante versioni conosci della ricetta che ci prepari oggi?
Ne conosco svariate, ma l'unica che realizzo è quella di famiglia. È infallibile.

Quanto sono importanti le materie prime per la riuscita di una ricetta?
Sono fondamentali. Nel periodo in cui ho vissuto a Milano ad esempio, era difficile trovare una buona ricotta per fare la pastiera.

Quale ingrediente presente in questa ricetta è particolarmente rappresentativo della cucina della tua regione?
Senza dubbio il grano.

Hai un ingrediente segreto o un trucco che rende particolare questo piatto?
Direi la presenza di un po’ di lievito nell'impasto della frolla che la rende più croccante. E affinché la pastiera sia un dolce amato anche dai miei bambini, ho scoperto che frullare il grano dopo la cottura con il latte, può costituire un ottimo compromesso. Esso assumerà la consistenza di una crema e i bambini la mangeranno più facilmente.

Fairy Platinum

€2,00

riduzione del negozio

Buono sconto selezionato
Clicca qui per
eliminare la
selezione
Per stampare i tuoi buoni sconto, collega il computer a una stampante
Coupon already redeemed

Quali ingredienti regionali non possono mancare nella tua cucina?
La mozzarella di bufala e i limoni di Sorrento.

Preferisci cucinare piatti dolci o salati?
Amo molto i dolci. Nel periodo di Natale ad esempio cucino gli Struffoli anch'essi tipici della mia regione. Tuttavia spesso preparo ricette salate quali le lasagne con le polpette, il polpettone napoletano, la parmigiana di melanzane e gli gnocchi alla Sorrentina. A volte aiuto anche mia madre nella preparazione di liquori con gli agrumi locali.

Ti pesa cucinare al pensiero di dover lavare tanti piatti?
No perché in cucina ho un ottimo alleato, la lavastoviglie.

Quanto tempo risparmi usando Fairy e la lavastoviglie?
Sono una donna che lavora e che ama trascorrere del tempo con i suoi cari. La lavastoviglie talvolta è essenziale per risparmiare il tempo.


Pastiera Napoletana
Ricetta di Santina, bisnonna di Valeria
Ingredienti per la pasta frolla:
250 gr. farina
1 uovo
100 gr. zucchero
80 gr. burro
1 cucchiaino di lievito per dolci
scorza di 1/2 limone biologico grattugiata
scorza di 1/2 arancia grattugiata

Ingredienti per il ripieno:
300 gr. di grano cotto
350 gr. di ricotta di pecora
300 gr. di zucchero
5 uova (4 intere + 1 tuorlo)
150 gr. di latte intero
10 gr. di burro
1 busta di vanillina
1 fiala di fiori di arancio
1 pizzico di cannella
50 gr. di canditi misti a pezzi
scorza di 1/2 limone biologico di Sorrento grattugiata
scorza di 1/2 arancia grattugiata

Preparare la pasta frolla
Su una spianatoia setacciare la farina. Fare un buco al centro ed unire le uova, lo zucchero, il burro ammorbidito, il lievito e la scorza di limone e arancia grattugiati. Lavorare con le mani fino a che l'impasto non risulti omogeneo. Formare una palla, avvolgerla con la pellicola trasparente e riporre l'impasto a riposare in frigo per mezz'ora.

Preparare il ripieno
In un pentolino scaldare il latte con il burro ed aggiungere il grano. Far cuocere fino a che il grano non avrà assorbito tutto il latte. Lasciar raffreddare. In una ciotola unire le uova con lo zucchero e sbatterle. Aggiungere la ricotta setacciata e mescolare bene. Unire infine la vanillina, l'aroma con ai fiori di arancio, la cannella, i canditi, la scorza di limone e di arancia grattugiata e il grano.

Estrarre da frigo la pasta frolla, stendere i 3/4 di essa dandole la forma di un disco e adagiarla in un ruoto rotondo di alluminio precedentemente imburrato. Versare all'interno la crema, stendere la restante pasta frolla e con una rondella ricavarne le strisce. Posizionare le strisce sulla superficie della pastiera, prima in orizzontale e poi in verticale. Far cuocere la pastiera in forno a gas precedentemente riscaldato a 200°(se avete un forno elettrico la temperatura ideale è 180°) per 1 ora e 15 minuti o fino a che la pastiera non avrà assunto un colore dorato. Lasciare riposare il dolce almeno mezza giornata prima di servirlo.

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

Danita

Danita

Segnalato

Che bello conoscere una delle mie compagne di viaggio!! Piacere!!

  • Segnala