dolcecarnevale

Dedicato ai tuoi peccati di gola: a Carnevale ogni dolce vale

Le chiacchiere, le graffe, le castagnole, ecco le ricette da preparare, provare, assaggiare per la festa più divertente dell'anno.


A quest’ora avrai già spuntato la lista delle cose da pensare per l’imminente Carnevale: stelle filanti, coriandoli, maschere di tutti i tipi, make-up e acconciature tra le più stravaganti. E i dolci, li hai già preparati?
Se la risposta è no, ecco cosa non può assolutamente mancare in casa. Perché a Carnevale ogni peccato di gola vale.

Le chiacchiere

Ingredienti
•    200 g farina
•    1 cucchiaio di zucchero
•    zucchero a velo
•    40 g burro o strutto
•    1 limone
•    sale
•    2 uova
•    olio di arachide

Preparazione

•    Impasta la farina, le uova, il burro, lo zucchero, una presa di sale e la scorza grattugiata del limone, fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo per poi dargli la forma di una palla.
•    Lascia riposare la pasta, coperta dalla pellicola, per 30 minuti in un luogo fresco.
•    Tira l’impasto col mattarello fino a ottenere una sfoglia sottile di circa 3 mm.
•    Taglia la sfoglia a striscioline di circa 4/5 cm di larghezza con l’aiuto di una rotella dentellata.
•    Porta a temperatura abbondante olio di arachide in un tegame e friggi le frappe per alcuni minuti fino a quando non siano belle dorate.
•    Scolale su carta assorbente e spolverale con zucchero a velo.

L’alternativa: se non sei un’amante del fritto, puoi sempre scegliere il forno.
•    Se preferisci evitare la frittura puoi cuocere le frappe al forno adagiandole su una teglia ricoperta di carta da forno, precedentemente bagnata e strizzata.
•    Cuoci le frappe a 200°C per circa 10 minuti o comunque fino a che la superficie risulti colorita.

Castagnole

Ingredienti
•    400 g di farina
•    80 g di burro
•    sale
•    50 g di zucchero
•    1 cucchiaino da caffè di lievito vanigliato
•    olio per frittura
•    2 uova
•    1 limone grattugiato
•    zucchero a velo

Preparazione
•    In una terrina ammorbidisci il burro, incorpora lo zucchero e poi le uova, una alla volta, affinché siano assorbite per bene.
•    Mescola e aggiungi la buccia grattugiata del limone, un pizzico di sale e tanta farina quanto basta a ottenere un impasto morbido. Aggiungi il lievito setacciato.
•    Dall’impasto crea delle palline della grandezza di una noce.
•    Friggile in abbondante olio caldo fino a che non siano belle dorate.
•    Toglile dall’olio e mettile ad asciugare su carta assorbente.
•    Prima di servirle, spolverale con lo zucchero a velo o con quello semolato.

Le graffe

Ingredienti
•    300 gr di farina
•    2 uova
•    20gr di lievito di birra
•    200 gr di patate
•    latte q.b.
•    la buccia di 1 limone grattugiato
•    70 gr di burro
•    2 cucchiai di zucchero
•    1 pizzico di sale
•    zucchero semolato o a velo per la copertura

Preparazione
•    Metti a bollire le patate con tutta la buccia. Se utilizzi la pentola a pressione saranno sufficienti circa 10 minuti dopo il fischio, altrimenti 40 minuti.
•    Scolale, spellale e passale allo schiacciapatate un paio di volte.
•    Disponi la farina a fontana su una spianatoia. Apri le uova all’interno della fontana e metti il burro a pezzetti, le patate schiacciate ancora tiepide, lo zucchero, il pizzico di sale e la buccia del limone grattugiata.
•    Comincia a impastare aiutandoti con una forchetta, rompendo le uova e aggiungendo poca farina alla volta.
•    Quando l’impasto avrà una buona consistenza, aggiungi il lievito di birra, sciolto in due dita di latte tiepido. Impasta il tutto. Se la pasta dovesse sembrarti bagnata al tatto, aggiungi un po’ di farina, al contrario aiutati con il latte.
•    Forma una palla con l’impasto e ponilo a lievitare in una ciotola in un luogo caldo, coprendolo con un panno. Più o meno un’oretta.
•    Dopo la fase di lievitazione, stacca una pallina dall’impasto, rotolala sulla spianatoia infarinata fino a formare una strisciolina. Ricongiungi le due estremità fino a formare una ciambella (la graffa). Adagiala su una teglia foderata di carta da forno. Fai attenzione a non farle troppo piccole perché con la lievitazione il buchino della ciambella potrebbe scomparire!
•    Continua a formare le graffe e quando avrai finito, coprile con un canovaccio e lasciale lievitare fino a ottenere un volume doppio.
•    Friggi le graffe in abbondante olio di arachide o di oliva alla temperatura di 180°. Girale una volta per farle cuocere da entrambe i lati fino a fargli raggiungere una bella doratura.
•    Scolale e falle asciugare su carta assorbente. Quindi passale nello zucchero semolato oppure cospargile con dello zucchero a velo.


A Carnevale ogni consiglio vale
•    L'olio per friggere deve essere caldo ma non bollente.
•    Per capire quando è il momento giusto per cuocere puoi usare lo stuzzicadenti: se attorno compaiono delle bollicine, puoi friggere. Per avere una doppia certezza, immergi un po’ di pasta: se diventa scura immediatamente, significa che l'olio è troppo caldo. La pasta dovrebbe dorar

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

tobyas

tobyas

Segnalato

fatte!! molto buone grazie

  • Segnala

Uau che belo no ci credo

  • Segnala
Valegra

Valegra

Segnalato

chiacchere e frittelle mangiate in abbondanza settimana scorsa!! .... sempre buonissime!!!!!!! gnam!!!!!!

  • Segnala

Veramente sfiziose

  • Segnala

Ottimi����

  • Segnala