vintage-casa

Il Vintage in casa

Gabriella Anzalone, architetto, ci spiega come rendere unico e rétro lo spazio domestico.


La prima cosa da fare è decidere un tema: meglio evitare le combinazioni selvagge se non si è davvero esperti. È rischioso, ad esempio, mescolare a caso il bon ton anni '50, con il pop del '60 e il decadente chic dei '70: meglio scegliere a grandi linee l’epoca e lo stile ai quali ci si vuole ispirare. Eventualmente si può giocare cambiando l'ispirazione di camera in camera.



Punto focale


Ogni stanza dovrebbe avere un “focal point”, un punto preciso che cattura subito lo sguardo e interpreta a colpo d'occhio il mood dell'ambiente. In una casa in stile primi anni '60, la zona living dovrebbe avere un angolo con poltroncina a stampe floreali, con un coffee table in legno su cui appoggiare un vecchio telefono con cornetta, dai colori pop, con qualche disco in vinile. 


Calore e luci soffuse


Il light design dovrebbe rispettare il calore dell'ambiente: la caratteristica principale del vintage è proprio l'aspetto “caldo”, perché gli oggetti hanno una storia alle spalle e un fascino nostalgico. È essenziale avere diversi punti luce a differenti altezze, con possibilità di dosare l'atmosfera e creare luci morbide. Senza scordare che il lampadario in sé resta un pezzo d'arredo molto caratterizzante. 



Nomi “luminosi” da scoprire


Qualche nome al quale ispirarsi? Partiamo dagli anni '50, con lampade in acciaio cromato e verniciato del designer Alvar Aalto o metalliche di Serge Mouille. Nei '60 arrivano le classiche lampade da terra ad arco, riprese in tutti i modi negli ultimi anni, Arcos e Tolomeo, senza dimenticare la Falkland, da soffitto e assai modaiola. I '70, vivacissimi in altri ambiti, riscoprono lampade da tavolo e da terra più essenziali, tra cui quelle orientabili, divertenti per creare atmosfere, come Ipotenusa e Parentesi, progettate da Achille Castiglioni.
Non ti occorre cercare gli originali ma lo studio di forme e linee ti permetterà di trovare qualcosa di simile per il tuo spazio.



Credenze creative


Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito


Facile ed economico, un piccolo allestimento di “memorabilia” e oggetti rétro è l'unica concessione al mix & match, che aiuta a scaldare e caratterizzare gli ambienti come la cucina, il bagno e il corridoio. Basta fissare al muro, non troppo in alto, tre scaffali, diversi tra loro per spessore e colore, e non necessariamente allineati. Qui puoi disporre, come in un vecchio negozio, scatole di latta, un soprammobile antico, una vecchia teiera, tazze e tazzine, insomma, lasciati guidare dall'estro. L'ispirazione può giungere anche dal “candy store” o dal negozio di oggetti di modernariato, l’importante è stupire lo sguardo con questa inaspettata vetrina.


Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

skiki85

skiki85

Segnalato

Articolo stupendo! Grazie per i preziosi consigli architetto Gabriella Anzalone!

  • Segnala

Bell'articolo! Molto simile al mio stile

  • Segnala
Romi71

Romi71

Segnalato

Mi piace questo stile, raffinato e semplice allo stesso tempo!

  • Segnala
Gambe liscie con Silk-èpil 5

Gambe liscie con Silk-èpil 5

"

sono una delle fortunate che ha potuto partecipare al progetto...a me è toccato il silk èpil 5. più lo uso e più ne sono contenta, in confronto al mio vecchio silk èpil elimina molti più peli (soprattutto quelli più sottili) così le gambe rimangono lisce per più giorni! i peli incarniti sono quasi del tutto scomparsi...e che dire della spazzola esfoliante, fortissima! lascia la pelle del viso morbida morbida! super consigliato! lo sto dicendo a tutte le mie amiche! :-)

"

Di Ambasciatrice
peanuts

Ottimo il Silk-èpil 5

Ottimo il Silk-èpil 5

"

sto usando il silk-èpil 5 e devo dire che i rulli massaggianti e la luce sono davvero utili, i primi ti aiutano davvero a non sentire dolore al contrario del mio vecchio silk-èpil...mentre grazie alla luce riesci a togliere anche i peli più piccoli che prima non riuscivi nemmeno a intravedere..:D.... l'unica mia delusione è che zona inguine sia davvero difficile la depilazione..qui invece i rulli sono d'intralcio...devo togliere la testina e il dolore aumenta..si dovrebbe un pò migliorare questo aspetto...

"

Di Ambasciatrice
Mariaconcetta