Piante grasse, spinose col cuore tenero

Piante grasse, spinose col cuore tenero

Riproducono un giardino del deserto in casa, le “succulente” (più comunemente conosciute come piante grasse): perfette per le zone rocciose dal mare ai monti, ma anche capaci di trasformare le case e i balconi di città in ambienti tropicali.


Quello che non sapevi delle piante grasse

Infatti, dalle foreste del Brasile agli aridi deserti del Sud America, dal livello del mare dei paesi del Mediterraneo alle alte vette della Bolivia, le piante grasse si sono perfettamente adattate agli ambienti più difficili, a volte ostili. C’è chi definisce queste piante “un miracolo naturale di piccole sculture vegetali, spinose ma dal cuore tenero”. Il loro mondo multiforme e multicolore ha suscitato l'interesse di molti, tanto da coniare la parola “cactofilia”, il termine che indica la passione per i cactus e per tutte le piante grasse. Questi vegetali delicati ma resistenti, pur appartenendo a differenti famiglie botaniche, hanno in comune l'adattamento ad ambienti climatici aridi. Infatti, la maggior parte di loro ha foglie e fusti adatti a immagazzinare acqua per sopravvivere a lunghi periodi di siccità, fino ad avvizzire o far cadere le foglie come ultima difesa. 


Come prenderti cura di una pianta grassa

Gli elementi che determinano la crescita delle piante grasse sono il calore, l’acqua, la luce, il nutrimento, fra loro strettamente interdipendenti, nel senso che se uno di essi aumenta devono aumentare anche gli altri. E le istruzioni per curare bene le piante grasse sono più semplici di quello che si pensa. 



Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Se è inverno o la temperatura notturna scende sotto i 10° gradi, è meglio tenere la pianta al coperto nel punto più luminoso della casa, quindi vicino a una finestra. Durante questo periodo la succulenta è in uno stadio di riposo vegetativo (quiescente) e non va innaffiata, a meno che non cominci a sgonfiarsi.

Nella bella stagione, invece le piante grasse vanno messo all’aperto, al sole su un balcone e si deve procedere con delle annaffiature abbastanza regolari, la cui periodicità dipende da quanto velocemente il terriccio si asciuga. Quando, infatti, il loro terreno in superficie è completamente asciutto, bisogna annaffiarle fino a far fuoriuscire l’acqua dai fori del vaso.

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

Ho da pochissimo due piccole piantine grasse, una haworthia fasciata e un'aloe cosmo in altrettanto piccoli vasetti di plastica, qualcuno sa quando posso spostarle in un vaso più "comodo" ??? grazie...

  • Segnala

io adoro le piante grasse ne ho di tipi diversi e quando fanno il fiore me lo godo tutto perchè dura poco... e allora lo fotografo così me lo guardo quando voglio...

  • Segnala

Sto iniziando da poco a dedicarmi al pollice verde...è molto impegnativo ma ti regala delle belle soddisfazioni :)

  • Segnala

A casa in passato, quando eravamo solo io e la mia compagna ne avevamo parecchie. Ora con tre bimbi a casa avere delle piante, piccole o grandi che siano, è molto difficile. L'unica soluzione che sono riuscito a trovare è quella di avere delle piccole piante da poter sistemare in alto tipo sui pensili della cucina, meglio ovviamente se sono piante grasse da non dover sempre fare su e giù dai mobili per doverle innaffiare. .. almeno loro trattengono bene l'acqua e hanno una autonomia maggiore.

  • Segnala

devo dire che mi riesce molto piu facile avere delle piante grasse nel mio giardino piuttosto che dei fiori che fioriscono solo un paio di volte all'anno... se però ci fossero delle piante grasse che fiorissero mi piacerebbe tantissimo averle.. avete dei nomi?

  • Segnala