Il mio angolo di paradiso

Il mio angolo di paradiso

L’architetto Gabriella Anzalone ci spiega come prenderci cura al meglio del nostro terrazzo o balcone, tra stile e natura.


Uno spazio aperto tutto per noi può essere la valvola di sfogo del nostro appartamento, anche in piena città. Ma come creare un angolino perfetto? Innanzitutto, le dimensioni non sono fondamentali: anche un piccolo balcone può diventare uno spazio piacevole e confortevole, ricco di verde. Prima di iniziare dobbiamo mettere a fuoco le nostre esigenze: vogliamo poterci mangiare o desideriamo solo una piccola area per leggere e rilassarci? Ci piacerebbe un mini-orto? E allora diamoci da fare!

Uno spazio aperto tutto per te può essere la valvola di sfogo per lo stress cittadino, dove ricaricare le energie e sentirti in pace. Ma come creare un angolino perfetto?
Innanzitutto, le dimensioni non sono fondamentali: anche un piccolo balcone può diventare uno spazio piacevole e confortevole, ricco di verde. Prima di iniziare devi mettere a fuoco le tue esigenze: vuoi poterci mangiare o desideri solo una piccola area per leggere e rilassarti? Ti piacerebbe un mini-orto? E allora ecco qualche consiglio!

Piccola Provenza
Un balconcino di piccole dimensioni si può rendere aggraziato con tocchi provenzali. Basteranno un mini-tavolo di ferro battuto, un tappetino coloro lavanda, una mensola di legno verniciato di bianco o grigio con vasetti nelle stesse tinte e un annaffiatoio un po’ fané. A completare l’opera, una mini angoliera in ferro battuto, tutta piena di piantine verdi e aromatiche.

Déjeuneur dehors
Se hai la fortuna di possedere un terrazzo più spazioso in cui si può mangiare, crea un arredo adatto con un tavolo di legno, pietra o ferro battuto e sedie colorate (verde, malva e lavanda continuano a essere le tinte più gettonate). Un piccolo pergolato regalerà inoltre intimità all’area pranzo e, se riempito di rampicanti, renderà l’area più fresca e profumata.

Relax prima di tutto
Vuoi trasformare il terrazzo o il balcone in una zona relax? Crea un angolo-seduta con una struttura “fissa” (in pietra, mattoni o legno) e poi decorala con cuscini di varie fogge e colori. È importante che i cuscini siano resistenti e facili da lavare, anche nell’imbottitura.

Note esotiche
Che l’ispirazione siano Bali o il Marocco, l’arredo etnico-esotico, magari con un tocco coloniale, continua a essere un’altra scelta vincente per balcone o terrazzo. Qui dominano i colori e l’orizzontalità: sedute basse e morbide, un piccolo tavolino di appoggio, un tappeto in fibra di bambù, una lanterna di metallo verniciato posata a terra. Per i cromatismi, si va dal viola intenso alle sfumature di azzurro, sempre da tenere scintillanti e splendenti.

Privacy rinfrescante
Perché sia davvero confortevole, uno spazio esterno deve avere una serie di schermature che proteggano da sguardi indiscreti e che magari creino un’ombra fresca d’estate. Usa quindi delle “quinte” che potranno essere in legno, adatte a essere rivestite da un rampicante, oppure delle tende esotiche e colorate.

Vestire di verde
Al di là dell’arredo, in un terrazzo non si può certo rinunciare alle piante. Se sei alle prime armi, inizia con quelle più resistenti e facili: bambù, alloro, lavanda, edera e rosmarino. Se hai un po’ di esperienza, prova a creare un “giardino verticale”, ovvero una parete completamente rivestita di verde. Puoi cominciare con il sedum, muschi, licheni e qualche piccolo fiore di campo. Altra validissima opzione è l’orto “ubano”, chic e sostenibile. La scelta è fra la classica triade pomodori-basilico-fragole o l’oasi aromatica. Qui c’è solo l’imbarazzo della scelta: rosmarino, salvia, peperoncino, maggiorana, prezzemolo, menta, mirto e alloro.


Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

Trovare residui di calcare in bagno o in cucina ti da la sensazione che sia tutto sporco. Io metto appena due gocce di viakal sulla spugnetta una sola volta la settimana e i lavandini semnrano nuovi appena comprati

  • Segnala
Pupi81

Pupi81

Segnalato

Grazie dei consigli, da qualche anno ho un bellissimo terrazzo esposto al sole per gran parte della giornata e a parte lavanda (sofferente) e violette, tutti gli altri fiori non sopravvivono, allo stesso tempo però riesco ad avere pianta di limoni, fragole, varie piante aromatiche e e peperoncino...credo che il mio pollice nero si limiti ai fiori..sigh.

  • Segnala
ket82

ket82

Segnalato

nella nuova casa ho un piccolo terrazzo...e non vedo l'ora che arrivi la primavera per comunciare ad arredarlo e piantare dei fiorellini!

  • Segnala
dollys

dollys

Segnalato

ottimi e utili consigli!!! privacy rinfrescante sarebbe l ideale...

  • Segnala

Ho due balconi con posizioni differenti in quello di cucina ho messo tutte le piante aromatiche rosmarino, salvia,prezzemolo, erba cipollina, basilico,timo e maggiorana io sono ligure e queste piante sono indispensabili. Nell'altro in sala ho tutte piante grasse che adoro e mi allietano ogni anno con delle fioriture fantastiche poi ho una rosa rossa è una pianta di orchidea che ogni anno a dicembre fiorisce....������

  • Segnala
Gambe liscie con Silk-èpil 5

Gambe liscie con Silk-èpil 5

"

sono una delle fortunate che ha potuto partecipare al progetto...a me è toccato il silk èpil 5. più lo uso e più ne sono contenta, in confronto al mio vecchio silk èpil elimina molti più peli (soprattutto quelli più sottili) così le gambe rimangono lisce per più giorni! i peli incarniti sono quasi del tutto scomparsi...e che dire della spazzola esfoliante, fortissima! lascia la pelle del viso morbida morbida! super consigliato! lo sto dicendo a tutte le mie amiche! :-)

"

Di Ambasciatrice
peanuts

Ottimo il Silk-èpil 5

Ottimo il Silk-èpil 5

"

sto usando il silk-èpil 5 e devo dire che i rulli massaggianti e la luce sono davvero utili, i primi ti aiutano davvero a non sentire dolore al contrario del mio vecchio silk-èpil...mentre grazie alla luce riesci a togliere anche i peli più piccoli che prima non riuscivi nemmeno a intravedere..:D.... l'unica mia delusione è che zona inguine sia davvero difficile la depilazione..qui invece i rulli sono d'intralcio...devo togliere la testina e il dolore aumenta..si dovrebbe un pò migliorare questo aspetto...

"

Di Ambasciatrice
Mariaconcetta