Bollicine di Capodanno: prosecco, champagne o spumante?

Bollicine di Capodanno: prosecco, champagne o spumante?

Qualche consiglio per non sbagliare il brindisi più importante e un'idea dolce d'accompagnamento, in funzione del tipo di spumante che sceglieremo.


A San Silvestro, ovunque saremo, in montagna, al mare, a casa o al ristorante, a mezzanotte brinderemo al nuovo anno con un vino con le bollicine accompagnato da un dolce. Come possiamo evitare di accogliere il 2012 con un’accoppiata sbagliata? Ecco qualche consiglio utile per evitare di festeggiare con l’amaro in bocca...

Il Prosecco. Ormai da diversi anni ha rimpiazzato il blasonato champagne per festeggiare l’anno nuovo in tutto il mondo e a ragione, visto che i prosecchi nostrani non hanno nulla da invidiare alle bollicine francesi. I migliori sono quelli delle zone di Conegliano, Valdobbiadene e Franciacorta. Facili da trovare e con un ottimo rapporto qualità prezzo, potete puntare sulla massima qualità scegliendo le edizioni speciali “riserva” ed “extra dry”, un po’ più care ma davvero ottime.

Il dolce da abbinare: i dolci a pasta secca, come la pasta frolla, che esaltano ancora di più la vivacità del Prosecco, una bella crostata di frutta è la scelta consigliata.

Lo champagne. Se proprio non potete fare a meno del fascino dello champagne, fate sempre attenzione ad acquistare champagne veri che siano prodotti nella zona d’origine e secondo il metodo tradizionale. Le informazioni le trovate sull’etichetta, ma se non sapete il francese portatevi dietro l’amica poliglotta o un dizionario tascabile. Se volete investire nelle bollicine made in France, ecco la classifica dei 100 migliori champagne del 2011.

Il dolce da abbinare. Se vi aspetta un capodanno romantico, l’abbinamento classico è con le fragole ma per renderlo ancora più sfizioso, sciogliete a bagnomaria un po’ di burro e cioccolato fondente, intingete la punta delle fragole nella crema e godetevi il contrasto con le possenti bollicine. Per una serata tra amici, invece una bavarese o una panna cotta, sono ottime alternative.

Lo spumante. Tornando in Italia per i palati -un po’ meno abituati a vini ricchi- inclini a prediligere soluzioni più dolci, gli spumanti dell’astigiano e dell’Oltrepo pavese offrono moltissime varietà di bollicine più delicate e fruttate, oltre a moscati di ottimo livello anche se non si possono considerare spumanti a tutti gli effetti.

Il dolce da abbinare. Se la vostra scelta ricade su un vino dolce comunque abbinatelo sempre con preparazioni poco zuccherate, una mousse di cioccolato fondente renderà sopportabile lo spumante dolce anche ai palati meno avvezzi.

Qualunque sia la scelta, ricordatevi sempre le regole d’oro: non fidatevi di bottiglie che costano meno di 5-7 euro, che è considerato il livello minimo per garantire una qualità decente e prediligete sempre i vini con la dicitura “Imbottigliato all’origine” che garantisce l’uso di uve autoctone e metodi certificati. 
E se il vostro budget non è da “primi 100 champagne del mondo”, puntate su un buon prosecco. Con un budget di circa 10 euro potete acquistare del prosecco eccellente: meglio spendere la stessa cifra per un ottimo vino, piuttosto che per un mediocre spumante o champagne.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

spumante....

  • Segnala
zietta

zietta

Segnalato

Sempre e comunque un buon moscato (sardo naturalmente!)

  • Segnala

Io consiglio di bere cmq italiano e di qualità!!

  • Segnala