Imbianchiamo casa!

Imbianchiamo casa!

...per trasformare gli ambienti. L'inverno è il momento della riflessione per essere pronte in primavera: idee, spunti e tecniche di tinteggiatura per dare nuova vita alle pareti.


La cameretta dei bambini vi sembra un po’ noiosa, tutta bianca? Le pareti del soggiorno, ingrigite dal tempo che passa vi mettono tristezza? Vi piacerebbe dare una bella rinfrescata all’aspetto di casa vostra? Bene, è tempo di imbiancare. È vero che il periodo migliore per farlo è la tarda primavera o la fine dell’estate, quando il clima caldo e poco umido favorisce una rapida ed efficace asciugatura della pittura sulle pareti, ma se avete intenzione di cimentarvi da sole, è questo il momento giusto per prepararvi.

Per imbiancare casa non serve tanta esperienza: basta organizzarsi per tempo scegliendo e acquistando i materiali giusti, avere le idee chiare su come procedere e non farsi intimorire all’idea della fatica che farete. Vi serviranno anche tre giorni liberi da impegni e figli, molta pazienza, la tuta più vecchia che avete, che indosserete e poi butterete. Qualcos’altro? Ovviamente sì: i nostri consigli.

Che tipo di pittura scegliere?

Date preferenza alle pitture solubili in acqua (come tempera o idropittura) perché sono più facili da stendere. La tempera è la pittura più economica, ma nel tempo tende a rovinarsi e prima di una nuova imbiancatura va carteggiata! Per questi motivi vi consigliamo di sceglierla per locali meno importanti. In commercio sono disponibili anche idropitture lavabili, una soluzione molto comoda e pratica ma da non utilizzare sulle pareti di ambienti umidi come il bagno e la cucina, perché questo tipo di pittura non è traspirante e quindi si potrebbero creare sui muri delle brutte macchie di condensa. Per questi locali dovete optare per idropitture traspiranti.

Che colori scegliere?

Dare una risposta è molto difficile, perché la scelta del colore è - e deve essere - personale. In generale vale il principio che le tinte chiare fanno apparire le stanze più grandi, mentre quelle scure tendono a rimpicciolire gli spazi. Colori caldi, come il giallo, il rosso o l’arancione, ben si adattano a locali come il soggiorno; mentre quelli freddi, come il verde e il blu sono consigliabili per ambienti destinati al relax, come la camera da letto o il bagno. Le pareti tutte bianche sono tornate di moda, e potrebbero essere la soluzione migliore per creare uno sfondo neutro su cui “scrivere” la nostra storia attraverso gli oggetti e gli arredi con cui popoliamo la nostra casa. A questo proposito, lo sapevate che esiste un sito che offre un servizio interattivo per scegliere il colore giusto per la vostra stanza? Cliccate qui, caricate la foto del locale che volete imbiancare e potete provare le diverse tonalità messe a disposizione.

Preziosi consigli da applicare secondo il proprio gusto si trovano anche tra le pagine di “I colori per la casa. Idee e soluzioni per decorare gli interni” di Stephanie Hoppen.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Cosa ci serve?

Passiamo all’attrezzatura che dovete procurarvi per imbiancare casa. Vi serviranno: un rullo per le pareti, una griglia (per sgocciolare il rullo dopo averlo immerso nella pittura), un secchio per diluire la pittura, un pennello piatto piccolo (di 3 o 5 cm) per rifinire i punti più difficili come gli angoli, una scala a libro, una spatola, stucco o gesso, carta vetrata, nastro adesivo di carta. Per coprire pavimenti e mobili serviranno anche teli di plastica, lenzuola e carta di giornale.

Come imbiancare?

Prima di poter imbiancare, però, vi è un lungo lavoro ancora da compiere: dovete preparare la stanza spostando i mobili al centro e coprendoli con lenzuola o teli di plastica, e togliere le tende. Poi dovete preparare i muri: spolverateli accuratamente, togliete quadri e chiodi e passate ovunque la carta vetrata. Poi coprite con nastro adesivo di carta prese elettriche, interruttori, stipiti, maniglie e battiscopa. Se ci dovessero essere buchi o crepe, dovete stuccare, cioè livellare con lo stucco servendovi della spatola; quando lo stucco si sarà seccato, dovrete levigare la superficie stuccata con la carta vetrata. Raschiate eventuali muffe e segni di umidità e applicate sulle macchie un prodotto antimuffa.

Adesso potete passare a occuparvi del barattolo di pittura che andrà agitato e capovolto diverse volte prima di aprirlo, in modo che il liquido si mescoli bene. Una volta aperto, dovete ancora mescolare con un bastoncino, fino a quando la pittura diventa di una consistenza omogenea.

Arrivate a questo punto, potete iniziare a imbiancare. Il consiglio che vi diamo è di iniziare dai locali meno “impegnativi”, come lo sgabuzzino o il bagno di servizio, per impratichirvi un po’. Ricordatevi che si inizia sempre dal soffitto, utilizzando il rullo. Poi passate alle pareti. Aspettate che la prima mano di vernice si asciughi prima di passare la seconda, che andrà stesa perpendicolarmente alla prima. Se state colorando le pareti con un colore diverso da quello precedente, probabilmente dovrete passare più mani di pittura.

Ecco un utile video per apprendere i rudimenti della tinteggiatura Preziosissimi consigli si trovano anche su questo sito.

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto