Le età della fertilità

Le età della fertilità

Per una donna fertilità ed età sono inversamente proporzionali. Il ginecologo spiega tale principio illustrando quali siano le probabilità di gravidanza durante le varie fasi di età, dalla maturità sessuale femminile all’inizio della menopausa.


Nella donna, così come nell’uomo, l’età della massima fertilità è tra i 20 e i 25 anni. Però mentre la fertilità maschile è stabile e si conserva inalterata con il passare degli anni, nella donna, fertilità ed età sono inversamente proporzionali; dai 30 anni in poi diminuisce progressivamente, arriva ad un primo calo netto dopo i 35 anni e a una riduzione ancora più drastica dopo i 40 anni.

Possiamo individuare come età media della menopausa i 50 anni, ma dal punto di vista della reale fertilità, una donna dai 44 anni in su, anche se non è in menopausa, ha probabilità concepire quasi pari a zero. Naturalmente questo è un principio generale e… a conferma della regola vi sono delle eccezioni. Infatti anche se dopo i 40 le probabilità di rimanere incinta per una donna sono molto basse, oggi le puerpere “over 40” non sono più così rare e soprattutto, molte di più rispetto ad un tempo sono le donne che a 40 anni partoriscono il primo figlio.
Quindi se è vero che una donna over 40 ha poche speranze di concepire è anche vero che oggi l’età biologica femminile si è abbassata; non è raro constatare che una donna di 40 anni di oggi è biologicamente più giovane sia rispetto alla sua età anagrafica sia rispetto ad una sua coetanea di un paio di generazioni fa. Quindi esistono donne che continuano ad essere fertili anche dopo i 43-44 anni, ma sono eccezioni.
Se volessimo riassumere in modo schematico il tasso di fertilità di una donna in base alla sua età possiamo sintetizzare con la seguente tabella.


Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito
  età della donna fertilità
 20-25  100%
 26-29  80-100%
 30-35  50-55%
 36-39  18-25%
 40-44  5-7%
 45-59  0


 Il motivo del calo della fertilità femminile in relazione all’età è dovuto all’invecchiamento ovocitario. Infatti, come accennato in precedenza, mentre nell’uomo la produzione di spermatozoi è un processo continuo che avviene per tutta la vita (un uomo di 80 anni può essere ancora fertile), una donna alla nascita è dotata del suo “patrimonio” ovocitario completo: ha nelle ovaie tutti gli ovociti della sua vita. Questi, dal “giorno 1” in poi potranno solo diminuire. Attenzione però: la natura fa le cose per bene! Al momento della nascita una donna ha circa 1-2 milioni di ovociti, un numero altissimo!
Quando raggiunge la pubertà il patrimonio ovocitario varierà dai 200 ai 500 mila ovociti. Comunque enorme, ma la natura “sa” che la maggior parte degli ovociti è destinata a degenerare.
Dall’età sessualmente matura, nella donna ogni mese maturano moltissimi follicoli, di questi però solo uno o due si svilupperanno completamente mentre gli altri andranno incontro a degenerazione spontanea (vedi ciclo mestruale!).

Nella donna, in conclusione, possiamo dire che la riserva di ovociti è immensa, ma invecchia. E tale invecchiamento è responsabile della diminuzione progressiva della sua fertilità. Oggi in commercio è possibile trovare strumenti molto semplici (Test di Ovulazione) che aiutano le donne, soprattutto quelle over 35 che hanno maggiori difficoltà a rimanere incinta, a identificare i giorni di massima fertilità.







  Per postare un commento, per favore accedi

Serri

Serri

Segnalato

Ho trovato questo articolo molto interessante poichè ho 34 anni e mi ritrovo nella fascia di fertilità tra 50/55%.

  • Segnala

Salve dottore già un'anno fà ,il ciclo non mi venne essendo una donna precisa nelle date del ciclo feci vari esami clinici in cui risultò un follicolo non scoppiato,in seguito a varie ecografie il ciclo mi ritornò ad essere preciso il follicolo scoppiò .Tutto bene ma adesso ho di nuovo la mancanza del ciclo essendo come le ho già detto puntuale anzi sempre prima e mai dopo mi arriva,io ho 46 anni due figli.Volevo solo sapere che devo fare?La ringrazio x la risposta.

  • Segnala