E io faccio la spesa a Km Zero

E io faccio la spesa a Km Zero

Acquistare esclusivamente prodotti di stagione, e solo da produttori vicini a casa: una moda che fa bene alla salute, all’ambiente e anche al portafoglio.


Sara’ per via del caro-benzina, oppure perche’ oggi molti nostri connazionali riscoprono il piacere di mangiare sano e con piu’ gusto: fatto sta che la cosiddetta spesa a chilometri zero riscuote sempre piu’ successo. A detta di Coldiretti l’estate scorsa piu’ di un italiano su tre ha acquistato frutta, verdura, vini e formaggi da produttori vicini a casa, che vendono le proprie specialita’ attraverso spacci aziendali, bancarelle, sagre e mercati, oltre che sul web. E a giovarsene non sono solo la salute e l’ambiente, ma anche il bilancio familiare.

Frutta e verdura? Si’, ma di stagione
Un tempo, le dispense contenevano solo ortaggi di stagione: per i pomodori occorreva attendere l’estate, mentre il cavolo faceva la sua comparsa nei mesi freddi. Oggi, con l’importazione di prodotti freschi dall’estero, ci siamo abituati a consumare qualsiasi tipo di frutta e verdura in ogni periodo dell’anno. Lo svantaggio? Prima di giungere in tavola, percorrono migliaia di chilometri e subiscono numerosi passaggi intermedi. Sono addizionati con conservanti chimici e perdono freschezza e preziosi principi nutritivi. Con la spesa a chilometri zero, invece, si acquistano ortaggi di stagione direttamente dai produttori locali. Con la garanzia di consumare alimenti freschi, ma anche di valorizzare la tipicita’ dei prodotti e la biodiversita’.

Conviene ed e’ «green»
La spesa a chilometri zero non solo offre la possibilita’ di portare in tavola ogni giorno cibi piu’ gustosi e nutrienti, ma consente anche di risparmiare. Eliminando i costi di trasporto e di distribuzione, infatti, i prezzi diminuiscono. Senza contare che frutta e verdura durano di piu’. Inoltre, anche l’ambiente ci guadagna, grazie all’abbattimento dei consumi energetici, degli imballaggi e delle emissioni di CO2. In particolare, sempre secondo i dati forniti da Coldiretti, facendo la spesa a chilometri zero una famiglia di quattro persone puo’ arrivare a produrre fino a 1.000 chili di anidride carbonica in meno all’anno.

La genuinita’ corre sul web
Al giorno d’oggi acquistare a chilometri zero non e’ difficile, anche grazie a Internet. Consultando i motori di ricerca si trovano centinaia di aziende agricole che permettono di fare la spesa direttamente on line, con tanto di consegna a domicilio. E la scelta dei prodotti e’ ampia: dalla frutta e verdura di stagione fino al latte, alle uova, alle farine e ai formaggi. Inoltre, con un click si puo’ trovare l’azienda agricola piu’ vicina a casa: a titolo esemplificativo, il portale www.prodotti-a-km-zero.it  che propone un elenco di piccoli produttori suddiviso per regione. Mentre in libreria, per esempio, c’e’ la guida Mercati & Fattorie. La spesa a km zero, che segnala piu’ di 2.000 fattorie con servizio di vendita diretta e oltre 700 farmer’s market nelle principali citta’ italiane.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto