Pulizie di primavera: tutti i segreti per affrontarle al meglio

Pulizie di primavera: tutti i segreti per affrontarle al meglio

0
Un allergologo ci spiega come sopravvivere alle temute "pulizie di primavera" e limitare il rischio d'improvvise reazioni allergiche

Quest'anno la primavera sta tardando ad arrivare a causa della pioggia e del freddo, ma a giugno ormai non ci sono più scuse: pulizie e cambi di armadi non possono più attendere. Sono attività che per alcuni possono essere un vero incubo, non solo per la quantità infinita di cose da fare, ma anche per la polvere sollevata e inevitabilmente respirata. Tuttavia, con pochi e semplici accorgimenti è possibile ottenere buoni risultati e mettere al bando la polvere e gli allergeni in essa contenuti.

Per affrontare al meglio l'impresa è bene avere un vero e proprio piano di battaglia. Il primo passo non può che essere avere gli strumenti giusti. Accanto a detersivi specifici, spazzoloni, guanti, secchi e pagliette abrasive, non possono mancare i piumini e panni in microfibra. Questi ultimi, in particolare, grazie alle loro proprietà antistatiche, ci consentono di portare a termine le pulizie delle superfici più delicate senza sollevare e mettere in circolo troppa polvere. Così facendo, anche chi soffre di allergie, può completare le pulizie senza correre il rischio di incappare in improvvise reazioni allergiche.

È poi consigliabile dedicarsi a una singola stanza per volta, iniziando da camera da letto e soggiorno, per poi passare alle aree più impegnative, ovvero il bagno e la cucina. Stabilito il “percorso”, si può iniziare con le pulizie vere e proprie. Prima regola generale: si inizia sempre dall'alto. Con l'aiuto del piumino si spolverano soffitti, pareti, mobili alti, tapparelle e infissi. Da ultimo arriva il pavimento, che può essere pulito con gli appositi panni antistatici.
Un accorgimento nel caso della camera da letto: prima di iniziare le pulizie, è opportuno dedicarsi all'armadio, mettendone temporaneamente il contenuto sul letto e spolverando con cura ante e interni, prima di riporre nuovamente i vestiti al suo interno e fare il cambio di stagione.

Infine, mobili in tessuto, tendaggi e tappeti, veri e propri ricettacoli di allergeni, necessitano di un'attenzione particolare. Si consiglia di lavare le tende possibilmente a 55° o più e di appenderle umide per evitare di doverle stirare. Se divani e sedie sono sfoderabili, è bene togliere la fodera e lavarla in lavatrice, anch'essa ad almeno 55°.

0

Desideri lasciare un commento?

Ti potrebbe piacere anche...