vogliamaternita

Sorprendi chi ami: esaudisci la tua voglia di maternità

Speciale “ABC per chi desidera una gravidanza”: un dizionario per conoscere tutto ciò che occorre sapere quando si cerca un bambino, per portare a compimento una gravidanza serena.


•    A – ACIDO FOLICO. Anche conosciuto come Vitamina B9, l’acido folico è fondamentale per la prevenzione della spina bifida, una malformazione del sistema nervoso centrale. È stato infatti dimostrato che l'assunzione quotidiana di acido folico durante la gravidanza, attraverso alimenti e/o integratori, è in grado di ridurre del 50-70% l'insorgenza della spina bifida. Sono particolarmente ricche di acido folico le verdure a foglia verde (es. insalata, spinaci, broccoli, ecc.), i legumi, il fegato, alcuni tipi di frutta, il lievito, il latte e i cereali.

•    B - VITAMINA B. Il corretto apporto di vitamina B, soprattutto di B1 e B3, è importante in gravidanza perché può determinare il raggiungimento del corretto peso alla nascita da parte del bambino. Molto utili anche la vitamina B6 e la B12, tra le maggiori responsabili dello sviluppo del sistema nervoso e della formazione dei globuli rossi nel feto. Tra gli alimenti ricchi di vitamina B: ortaggi, cereali integrali, carne, pesce, uova e latte.

•    C - VITAMINA C. Un giusto apporto di vitamina C è fondamentale in gravidanza per lo sviluppo del bambino: favorisce la crescita, lo sviluppo delle ossa e dei denti, oltre che la resistenza alle infezioni. Inoltre contribuisce anche a ridurre il rischio di parto prematuro. Una donna incinta dovrebbe assumere circa 70 mg di vitamina C al giorno. Alimenti particolarmente ricchi di vitamina C: peperoni gialli, spezie, verdure a foglia verde scura (cavolo, senape, crescione), broccoli, cavolfiori, agrumi (soprattutto arance), kiwi e fragole.

•    D – DIABETE. In gravidanza gli ormoni prodotti dalla placenta possono modificare la normale azione dell'insulina, provocando il cosiddetto “diabete gestazionale” o aggravando un diabete preesistente.
Il rischio di diabete gestazionale aumenta con l'età materna e ha una maggiore incidenza in presenza di obesità o di familiari diabetici.

•   E - ESERCIZIO FISICO. L’attività fisica in gravidanza è sicuramente molto utile per affrontare bene la gravidanza, a patto che non si tratti di uno sport violento. Se già pratichi uno sport puoi continuare, riducendo magari gli allenamenti e l’intensità con il progredire della gravidanza. Se invece fai una vita sedentaria, approfitta di questo momento per dedicare del tempo ad attività dolci come il nuoto o il passeggiare: ti aiuterà a migliorare la postura e la circolazione sanguigna e a mantenere sotto controllo l’aumento di peso.

•    F – FARMACI. Già quando si cerca un bambino è bene limitare l’uso dei farmaci, o comunque consultare il medico prima dell’assunzione. Alcuni rimedi possono infatti influire sul buon esito della gravidanza o talvolta interferire nel corretto sviluppo del feto. Come ad esempio i FANS (Farmaci Antinfiammatorio Non Steroidei), contenenti acido acetilsalicilico o ibuprofene, che costituiscono i più comuni farmaci antinfiammatori da banco. Ci sono comunque alcuni principi attivi che non presentano particolari controindicazioni in gravidanza e che possono aiutare a contrastare disturbi passeggeri come emicrania o febbre. Tra questi i più comuni sono il Paracetamolo, per combattere eventuale febbre e dolore e gli Anestetici.

•    G - GRUPPO SANGUIGNO. Se il tuo gruppo sanguigno è Rh negativo mentre quello del tuo partner è Rh positivo, il bambino potrebbe ereditare quello paterno e il tuo organismo potrebbe di conseguenza produrre anticorpi per contrastarne i globuli rossi.  In genere questo nelle gravidanze successive alla prima, perché nella grande maggioranza dei casi l'organismo materno sviluppa gli anticorpi durante il parto. Per evitare che questa evenienza si presenti basta praticare alla madre una specifica immunoprofilassi entro 72 ore dalla nascita del bambino.

•    H -  HCG (gonadotropina corionica umana). E’ l’ormone prodotto dalla placenta e costituisce il primo segnale di gravidanza. La ricerca nel sangue di una particolare frazione dell’ormone (il BETA HCG), oltre a confermare la gravidanza, fornisce informazioni sul corretto svolgimento.

•    I – INTERVENTI CHIRURGICI. In genere durante la gravidanza è meglio evitare qualsiasi intervento chirurgico, tuttavia, in caso di situazioni di emergenza, per la vita della madre e del feto, il ginecologo potrà decidere di intervenire. Come nel caso di:
- appendicite;
- cisti ovariche benigne;
- ostruzioni intestinali e colecisti.

•    L - LIQUIDO AMNIOTICO. Forma una sacca membranosa che circonda e protegge l'embrione: la sua quantità varia durante i mesi di gravidanza e viene costantemente monitorata durante le visite ginecologiche. In caso di scarsità potrebbero essere prescritte delle terapie specifiche

•    M - MAL DI DENTI. In gravidanza i denti possono essere curati: una volta avvisato della situazione il dentista avrà cura di praticare una specifica anestesia che non interagisca con il feto.

•    N – NAUSEA. Ne soffrono tante donne in attesa e in genere passa entro la fine del primo trimestre. Per combatterla si consiglia di mangiare poco e spesso.


•   O – OSSA. Anche lo scheletro deve adattarsi ai cambiamenti del fisico: il bacino e la cassa toracica si dilatano leggermente, dando luogo a dolorose ma brevi fitte intercostali. Inoltre, negli ultimi mesi della gravidanza il peso della pancia tenderà a far assumere una posizione innaturale, mettendo a dura prova la schiena. Per tutti questi dolori il consiglio è, se possibile, di evitare di ricorrere ad antidolorifici. Piuttosto, per sostenere la schiena, può essere utile l’utilizzo di una guaina specifica.  

•    P- PERDITE. È un fenomeno che si verifica molto spesso nelle prime settimane di gravidanza. Se si tratta di entità lievi, di colore rosso scuro-marroncino, nella maggior parte dei casi non occorre preoccuparsi: le perdite che indicano una prognosi sfavorevole di solito sono infatti più abbondanti e di colore rosso vivo. È comunque consigliabile parlarne in ogni caso con il proprio ginecologo.

•    Q – QUADRO DIAGNOSTICO. Se desideri un bambino può essere utile  affrontare alcuni controlli preventivi che,  oltre a garantire la salute del bambino, ti consentiranno  di affrontare l’evoluzione della gravidanza in modo sereno.
Sia per te che il tuo partner sono quindi consigliabili:
- una visita medica con anamnesi familiare per evidenziare l’eventuale ereditarietà di malattie geneticamente trasmesse;
- un esame del sangue per escludere la presenza di  virus come HIV, epatite e sifilide.

Solo per te:
- ulteriori esami del sangue per individuare anticorpi ai virus del cytomegalovirus e della rosolia;
- il toxo-test per verificare se ci siano gli anticorpi alla toxoplasmosi ;
- una visita ginecologica generale e un Pap test.

•    R- RADIOGRAFIE. Se devi fare una radiografia quando stai cercando una gravidanza, o se stai già aspettando un bambino, valuta con il medico quanto sia effettivamente necessaria: anche se con le apparecchiature e le procedure utilizzate al giorno d’oggi la quantità di radiazioni assorbita dal futuro bambino è molto bassa, per prudenza è comunque meglio rimandare quelli non urgenti.

•    S- STRESS. La tensione e lo stress emotivo possono avere ripercussioni negative sulla salute riproduttiva delle donne e, in alcuni casi, possono addirittura ridurre i successi dei trattamenti per l’infertilità. Se stai cercando di avere un bambino evita quindi le situazioni di stress o di tenerle sotto controllo attraverso l’ attività sportiva o specifiche tecniche di rilassamento.

•    T – TOXOPLASMOSI. È un’infezione causata da un protozoo, il Toxoplasma gondii. Mentre non provoca particolari sintomi nelle persone adulte, risulta invece estremamente pericolosa in gravidanza, perché  può essere trasmessa dalla madre al feto, provocando conseguenze anche gravi. In Italia lo screening per la toxoplasmosi è gratuito in epoca preconcezionale e durante la gravidanza. Queste le regole per evitare di contrarre la toxoplasmosi durante la gravidanza: lavare accuratamente la frutta e la verdura; evitare il consumo di carni crude o poco cotte, di salumi crudi, di frutti di mare crudi, di latte non pastorizzato e di uova crude; in caso di presenza in casa di un gatto, il principale portatore della toxoplasmosi, limitare le occasioni di contatto e affidare ad altri la pulizia della sua lettiera; usare guanti di gomma nelle attività di giardinaggio, che possono comportare il contatto con il terriccio, possibile veicolo delle feci del gatto;

•    U – RAGGI U.V.A. L’esposizione al sole è consigliata in gravidanza, poiché favorisce la produzione di vitamina D, fondamentale sia per l’umore della futura mamma che per il corretto sviluppo osseo del bimbo. Ovviamente con la precauzione di non esporti nelle ore più calde e di munirti di protezione solare, per evitare soprattutto la formazione di quelle antiestetiche chiazze brune sulla pelle tipiche della gravidanza. Inoltre, se sei soggetta alle vene varicose, evita di esporre le gambe alla luce diretta del sole: il calore potrebbe infatti provocare una dilatazione dei vasi sanguigni e quindi favorire la formazione di varici.

•    V -  VACCINAZIONI. Rosolia, morbillo, orecchioni, varicella e pertosse sono delle malattie virali molto contagiose e piuttosto pericolose per il feto, durante la gravidanza. Per questo, se stai cercando di avere un bambino  e se non sei ancora immunizzata contro di esse, il consiglio è di sottoporti a vaccinazione. Soprattutto se hai già altri figli, che potrebbero trasmetterti  il virus. E ricorda di aspettare almeno una mese dopo ciascun vaccino, prima di programmare la gravidanza.
Se invece sei già in gravidanza, potrebbe essere utile sottoporti al vaccino influenzale, a partire dal 2° trimestre: consultati con il tuo ginecologo per valutarne l’opportunità e le modalità.

•    Z – ZINCO. Lo zinco è un minerale utile per prevenire la carenza di ferro, spesso presente in gravidanza. È presente in: crusca, lenticchie, fegato di manzo e tuorlo d'uovo.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

baggina

baggina

Segnalato

Quanto vorremmo un terzo bebè. ..ma ahimè ci blocca il lavoro precario,e intanto gli anni passano...

  • Segnala

un consiglio da parte mia: fondamentale l'esercizio fisico (agevola il momento del parto) e una visita del dentista a inizio gravidanza (perché i denti diventano davvero deboli in quel periodo)! E un grandissimo in bocca al lupo a tutte voi che state progettando di ampliare la famiglia!

  • Segnala

spero il 2015 mi regali un 2 pupino o pupina...lo desideriamo così tanto !

  • Segnala
MiniTe

MiniTe

Segnalato

e' un articolo molto interessante e dettagliato, complimenti a chi l'ha scritto, non tralascia davvero nulla! Io oltre ad acido folico e integratori specifici per la gravidanza ho assunto anche lievito di birra, ricchissimo di Vit B

  • Segnala

ancora qualche settimana e poi arriverà la mia principessina!!!!

  • Segnala