topi-biblioteca

Topi da biblioteca e collezionisti di libri: i consigli per gli amanti della letteratura.

Il professor Giorgio Walter Canonica, allergologo, dà agli amanti della lettura qualche consiglio per una libreria allergy-free.


Indubbiamente l’ultimo Natale è stato quello degli e-book. Nell’era della rivoluzione digitale, sarebbe stato difficile rimanere insensibili all’arrivo di questi strumenti tecnologici dal prezzo accessibile.
Esistono tuttavia persone non rinuncerebbero mai e poi mai al fascino del libro di carta. Sono i ‘tradizionalisti’. Coloro che adorano toccare un libro, ammirarne la copertina, sfogliarlo, sentirne il “profumo” percepirne la consistenza e le emozioni e soprattutto possedere un oggetto da conservare, prestare, regalare con tanto di dedica.

Questi “romantici” individui, terminata la lettura del loro libro, lo incastonano con una certa soddisfazione all’interno dell’amata libreria domestica. Scaffali che ospitano una vera collezione di variopinti volumi scelti con amore nel corso degli anni: uno spettacolo sublime che può diventare una vera insidia per gli allergici. Uno strato di polvere, contenente allergeni di acari, peli di animali domestici, spore di muffe e pollini, si sarà sicuramente accumulato sulla “testa” dei libri, ed eseguire un’adeguata pulizia è tutt’altro che semplice. Lo straccio inumidito, con cui in genere si puliscono gli scaffali, potrebbe rovinare il libro. Le scopine o i piumini tradizionali rimuovono un certo quantitativo di polvere che si solleva per ricadere poco più in là. L’aspirapolvere non è certo uno strumento agevole per andare a pulire i ripiani alti.
La mancanza di strumenti adeguati all’accurata pulizia delle superfici ‘difficili’ si configura quindi come un potenziale rischio per quei soggetti che amano la lettura, ma non vogliono starnutire, grattarsi, soffiarsi il naso o faticare a respirare per una crisi asmatica durante il loro hobby preferito.

Anche la fase di acquisto può rappresentare un momento delicato. Non è raro entrare con entusiasmo in una libreria, girare tra gli scaffali alla ricerca del prossimo ‘tesoro’ e trovarsi rapidamente a starnutire o grattarsi le mani dopo aver sfogliato le prime pagine o smosso i primi volumi. Chiunque sia entrato in una grande libreria o biblioteca non stenterà a riconoscere che, a causa della confusione e del rapido ricambio di volumi, risulta assai difficile operare una meticolosa pulizia delle superfici.

Oggi esistono sistemi “catturapolvere” studiati appositamente per questi compiti ‘difficili’, essi sono in grado di catturare la maggior parte degli allergeni contenuti nella polvere, se abbinati a dispositivi capaci di raggiungere anche gli angoli più ostili degli scaffali. In questo modo anche il più ‘romantico’ lettore avrà la possibilità di tornare in qualunque momento a consultare il suo libro preferito, senza dover cedere alla tentazione della versione digitale.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

Sono anche io allergica e amante della carta stampata, ma da quando ho conosciuto i "cattura polvere" non posso più farne a meno. Usandoli riesco finalmente a leggere un buon libro senza starnutire e lacrimare.

  • Segnala
theMuse

theMuse

Segnalato

il tuo articolo è molto piacevole e simpatico. Sicuramente il cartaceo permarrà a lungo, perché molti di noi vogliono l'ebook come aggiunta, e non come sostituto, a qualcosa che amiamo. Interessante il "catturapolvere". C'è anche da dire che il cartaceo occupa spazio, ma ci sono le biblioteche e il book crossing :)

  • Segnala

Forse sono una romantica, ma il fascino di un libro di carta è innegabile. Certo, la polvere è un gran problema, ma i "catturapolvere" sono una rivoluzione, forse non proprio come un ebook, ma ci si avvicina.

  • Segnala

adenina

Segnalato

Quest'articolo sembra scritto per me....."tradizionalista" ed allergica agli acari della polvere. Non rinuncerei mai e poi mai al fascino della carta stampata dove tatto ed olfatto si mescolano in una magnifica sensazione che nessun e-book potrà mai dare. Allora si ai catturapolvere....

  • Segnala