L’emergenza obesità si combatte fin da piccoli

L’emergenza obesità si combatte fin da piccoli

Il Dott. Piercarlo Salari, medico pediatra, ci spiega come il peso, e quindi l’alimentazione, dei figli sia da tenere sempre sotto controllo. Perche’ troppo grasso non e’ bello e neppure sano.


Piu’ cicciottelli e piu’ pigri. E’ questa purtroppo la sconfortante fotografia dei bambini italiani secondo i dati raccolti nel 2010 dal Ministero della Sanita’, attraverso il sistema di sorveglianza Okkio alla SALUTE. Su 42.549 allievi delle scuole primarie, tra i 6 e i 10 anni, il 34% risulta sovrappeso o obeso e il 22% pratica attivita’ fisica solo un’ora alla settimana. Il problema dell’obesita’ riguarda dunque anche i piu’ piccoli. E va affrontato fin da subito, non solo per motivi estetici, che spingono i genitori ad allarmarsi quando il bambino e’ ormai grande, ma anche per le possibili ricadute sulla salute.

Grassi fuori… e dentro. A rimetterci e’ la salute
In genere si tende a pensare che un bambino bene in carne “scoppi di salute”. Oggi sappiamo che non e’ cosi’. Un’alimentazione monotona e poco variata, ricca di snack e di bevande dolci con calorie “vuote”, predispone a carenze di micronutrienti, dal selenio al ferro. Non solo: diverse ricerche dimostrano che i piccoli obesi, quando si ammalano, impiegano piu’ tempo dei coetanei normopeso a guarire, segno che il grasso in eccesso incide sulla risposta del sistema immunitario. Inoltre, i chili di troppo accumulati fin dall’infanzia aprono la strada ad alterazioni metaboliche, come l’ipercolesterolemia e il diabete, e a complicanze a carico del sistema cardiovascolare e delle articolazioni. Insomma, l’obesita’ e’ una vera e propria malattia e come tale va affrontata.

La prevenzione comincia dall’allattamento al seno
Si parla di obesita’ se si supera di oltre il 20% il proprio peso ideale. Nei bambini si diagnostica in base ai parametri antropometrici classici: le tabelle dei centili con le curve di crescita. Normalmente l’accumulo fisiologico di tessuto adiposo si ha intorno ai 5-6 anni, un bambino che lo anticipa ai 2-3 anni e’ predisposto a diventare obeso. E’ allora fondamentale sensibilizzare i genitori. Perche’ un piccolo che ingrassa oltre misura lo fa per colpa di abitudini deleterie acquisite fin dall’infanzia. L’allattamento al seno e’ in questo senso due volte raccomandabile: non solo fornisce al neonato il nutrimento piu’ completo e bilanciato, ma lo aiuta anche ad autoregolarsi e controllarsi nelle quantita’. Imprinting che dura fino all’anno di vita e che offre un bel vantaggio per lo svezzamento. Da cominciare non prima dei 6 mesi.


Errori che pesano sulla bilancia dai 12mesi in poi
•    Il biberon di latte dopo cena: prima della nanna i consumi energetici si riducono del 30%. C’e’ il rischio che il mattino dopo salti la prima colazione, alterando il ritmo dei pasti.
•    Gli alimenti ad alta densita’ calorica, come i formaggi: non piu’ di 2 volte a settimana e nelle giuste porzioni (vedi, ad esempio, l’atlante alimentare su www.scottibassani.it).
•    I pasti davanti alla tivu’: si abitua a mangiare senza guardare che cosa ha nel piatto.
•    I fuori pasto come regola: fanno impennare le calorie e spezzano i ritmi alimentari.
•    Troppe bevande zuccherate: compresi i succhi di frutta, che non sono equivalenti a una mela o a una banana!
•    Poca fibra (frutta e verdura): mai rinunciare ai suoi benefici, primo fra tutti il riempimento gastrico che mette un freno alla fame.
•    Troppa monotonia: azzera il gusto.
•    “Se fai il bravo ti compro la torta”: il cibo non deve essere una gratificazione (o un’imposizione).
•    Il passeggino dopo i 3 anni.
•    Pochi giochi insieme all’aperto: il papa’ sportivo non e’ quello che guarda la partita in tivu’, ma chi corre al parco con lui.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

Il mio primogenito fino a tre anni pesava 10 chili e per farlo mangiare le abbiamo provate tutte e sembra abbia funzionato visto che ora che ha 7 anni sta al limite del peso consentito

  • Segnala

perfettamente ragione! bravissimi... mio figlio ha 10 mesi e 1/2 e il latte prima della nanna l'ho già tolto! per quanto riguarda il moto si e cercherò di togliere il passeggino appena possibile... vedi bambini di 3 e 4 anni ancora seduti... che tristezza! devono iniziare a sgambettare!!

  • Segnala
zzzzz

zzzzz

Segnalato

con mio figlio ho iniziato lo svezzamento a 4 mesi a base di verdura (non di frutta come fanno molti proprio per via dello zucchero) e non è minimamente in sovrappeso. Bisogna semplicemente pesare le quantità prima di dare il pasto al bambino, così non si rischia di dargli troppo ma si può anche essere tranquilli che abbia mangiato abbastanza. Dipende anche dalla genetica... almeno in parte... e dal metabolismo, da quanto si muove un bambino.

  • Segnala