arriva_fratellino

Arriva un fratellino: come la prenderà il primogenito?

Il Dott. Piercarlo Salari, medico pediatra, ci spiega come comportarsi con il primo figlio quando arriva il fratellino, per fronteggiare gelosie e comportamenti regressivi.


L’arrivo di un fratellino puo’ essere un piccolo shock per il primogenito, abituato a essere il centro dell’attenzione. E’ un grandissimo cambiamento, che rischia di farlo sentire messo da parte e svalutato. E possono nascere reazioni diverse: dall’attuazione di alcuni comportamenti “regressivi” (per esempio bagnare il letto) a manifestazioni di gelosia. E’ importante essere preparati a un eventuale cambiamento nel modo di comportarsi del bimbo: per farvi fronte, meglio evitare colpevolizzazioni e rimproveri inutili, ma puntare sul coinvolgimento.

Cominciare dal pancione per giocare d’anticipo
Una buona strategia e’ preparare il bambino giocando d’anticipo, fin dalla gravidanza. La parola chiave e’ coinvolgimento: far toccare il pancione, far sentire i movimenti, fare in modo che il piccolo si senta partecipe di quello che sta per succedere. Puo’ essere utile anche far immaginare al bambino come sara’ la situazione nuova, cosi’ da alimentare la sua attesa: l'esempio di altri bambini in condizioni simili aiutera’ a rendere piu’ concreta la proiezione al futuro. Il coinvolgimento si puo’ tradurre anche nella scelta di vestitini, arredamento, accessori, mentre rivedere le foto di famiglia fara’ capire al fratellino maggiore com'era a sua volta nei primi mesi e anni. Si puo’ anche ricorrere a libri illustrati, che aiutino il bimbo a entrare nella futura realta’.

Coinvolgere il primogenito nei nuovi “giochi”
Nei primi tempi, una mossa utile e’ dare al fratellino/sorellina maggiore un bambolotto affinche’ imiti cio’ che vede fare dalla madre, e farlo sentire utile e prezioso nella gestione del nuovo arrivato, dicendo che e’ fortunata, la mamma, ad avere anche lui che la aiuta. Con semplicita’, spiegare che il neonato e’ fragile, delicato, proprio come era lui, a cui ora spetta l’importante compito di proteggerlo. Ma il coinvolgimento del primogenito passa anche da momenti ludici e festosi come l’arrivo di pacchi e pacchetti: l’apertura dei regali per il nuovo arrivato va fatta tutti insieme e una buona idea e’ anche prendere un regalino tutto per lui, dicendo che arriva “dal fratellino”.  E poi e’ bene favorire il contatto diretto con il nuovo nato, lasciandolo toccare, accarezzare, curiosare.

Responsabilizzare si’, ma senza esagerare
Coinvolgere e responsabilizzare non significa ripetere “ormai sei grande”, che puo’ anche essere vissuto male. Ed e’ giusto anche lasciare piccoli momenti condivisi solo con lui, una passeggiata o un gioco, dove farlo essere protagonista. Qualche reazione di aggressivita’ va comunque messa in conto: bene bloccarle, ma evitando punizioni, che non sono educative e alimentano ulteriore gelosia. E conviene mostrare comprensione verso eventuali segnali regressivi (come il classico letto bagnato). Piu’ utile sottolineare i bei momenti, evidenziando che il nuovo nato e’ contento quando in compagnia del fratellino. In questo modo il primogenito si sentira’ non solo utile e gratificato, ma parte di un tutto a cui e’ stato aggiunto qualcosa di bello, senza che a lui sia stato tolto niente.

Registration

Entra a far parte di Desideri Magazine e ottieni offerte esclusive!

Iscriviti subito

Conferma i tuoi dati.

Per finalizzare la tua richiesta, ti preghiamo di compilare le informazioni qui sotto

quando ho saputo che ero incinta con la mia bambina il piu grande era il piu felice del mondo grazie a dio non ho avuto problemi di gelozia lo coninvolto con la gravidanza e andato con me a tutti ii controli a visto per primo la sua sorelina e anche li ha dati il nome Gabriela per me e molto importante coinvolgeri ma non al tal punto di dimenticare che anche loro hano bisognio ti te

  • Segnala

Ero molto preoccupata quando ero in attesa del secondo figlio, infatti la primogenita dava già segni di gelosia quando ancora avevo il pancione. Quando Francesco è nato Giada è stata coinvolta da subito e ora dimostra di volergli un bene dell'anima.

  • Segnala
Mersy86

Mersy86

Segnalato

La mia bimba ha 6 anni e mezzo e appena abbiamo saputo che aspettavamo un'altro bambino glielo abbiamo detto tramite Babbo Natale, era il periodo di Natale e le abbiamo scritto la letterina e detto che oltre a tutti i regali che avrebbe ricevuto avrebbe ricevuto un regalo ancor più bello una persona con cui poterci giocare e soprattutto di cui si sarebbe dovuta prendere cura.Ha conosciuta la sua sorellina prima tramite le ecografie ed ora che è nata è felicissima

  • Segnala

ho passato un brutto periodo,il mio primo gernito ha sofferto tanto e ora dopo ben 20 mesi,fa ancora scenate e se la prende col fratellini.devo sempre stare attenta. il primo mese faceva pipi a letto e pianti x ogni cosa.ora e' agressivo sia con noi che col fratello.spero passi presto

  • Segnala